In evidenza | News | Under 12

Imperia Rugby under 12: con coraggio e competenza alla conquista di Genova

Dic 21, 2016

Neanche il severo ed avvolgente palcoscenico dello stadio Carlini di Genova, tana del CUS locale, ha intimorito il folto gruppo degli under 12 di Imperia Rugby. L’età è di transizione: da bambini si diventa ragazzi. Per molti, adulti. Il rugby aiuta a diventare adulti e il contesto di sabato 17 dicembre era di quelli utili alla circostanza. Si tratta ancora di concentramenti, dove non esiste una classifica vera e propria. Però si parla di una serie di test-match in cui si mettono alla prova tutte le competenze sviluppate in allenamenti coscienziosi e puntuali. In questo caso gli artefici sono i tecnici Binelli e Trucco. Bella coppia: raziocinio e passione, cervello e coraggio arrembante. Il gruppo è plasmato e i risultati sportivi ed umani ci sono. La cronaca vede un concentramento under 12 con formula a due gironi, nei quali erano presenti le squadre di Savona, Cus Genova 1, Cus Genova 2, Amatori Genova e Imperia Rugby. Imperia gioca subito con il Savona. Sfida classica e pioggia di mete nerazzurre: Valerio Orlandi segna subito con il supporto di Lorenzo Devia e Samuel Grasso. Le mete successive saranno ancora di Orlandi, Gianluca Ramenzoni e Tobia Doria Miglietta. Il finale sarà di 7 a 1 per l’Imperia. Seconda partita contro il Cus Genova 1 dove la difesa dell’Imperia deve lavorare molto sui continui attacchi avversari, ma Antonio Maiano e Tommaso Airone lottano senza sosta. L’Imperia riesce a chiudere in vantaggio con 7 mete a 6 grazie alle prodezze di Eric Pelle e Jacopo Iannone. Si segnala che si tratta di unconfronto di rilievo, perché ci si è trovati faccia a faccia con una scuola rugbistica di città capoluogo regionale, dunque con bacino di reclutamento molto ampio. L’incontro di finale è altrettanto probante, perché ci sono gli Amatori Genova, altra realtà giovanile di assoluto rilievo. Bel piglio imperiese, però, con le mete di Orlandi, Ramenzoni, Doria Miglietta e una bella direzione di orchestra del mediano, cerniera tra avanti e tre quarti, ovvero Filippo Cerlienco. Alla fine sono 7 mete a 3 per Imperia e vittoria di concentramento. Il frutto di tutto ciò sta nell’applicazione dei giocatori, che applicano alla lettera gli insegnamenti dei tecnici Piero Binelli e Marco Trucco. Visti in allenamento, i “12” stanno davvero creando un ciclo. I momenti rivelatori sono le partite soft touch di fronte ai più dotati (almeno fisicamente) under 14. Ci sono già concetti fondamentali: punti di incontro ordinati con i giocatori che servono. Palla giocata velocemente. Entrante in discreta velocità. Salita difensiva ordinata e attacco che cerca ostinatamente i buchi della difesa avversaria, sfruttando gli angoli di corsa e l’indubbia velocità di molti ragazzini. Non mancano le cose da migliorare, come ad esempio la proverbiale difficoltà di “handling”, il passaggio senza “in avanti”. Però il lavoro è a buon punto. Spingiamo avanti questo gruppo, se lo merita.

161017-under-12-a-genova

 

admin
Author: admin

News correlate