In evidenza | News | Under 12

Imperia Rugby under 12 ancora invitata al torneo di Santa Devota di Monaco

Mar 8, 2017

Solo due italiane. Liguri. Imperia e Recco. Due scuole rugbistiche a confronto con il mondo. L’occasione è ancora una volta il torneo di rugby under 12 di Santa Devota nel Principato di Monaco. Si gioca al Louis II, proprio lo stadio reso celebre dalle tante manifestazioni sportive d’élite e dalla sua straordinaria architettura. Grande esperienza internazionale dunque per i giovanissimi di Trucco e Binelli. Sotto gli auspice di Sua Altezza Serenissima la Principessa Charlène, si incontreranno 15 compagini provenienti da tutto il mondo. Di fatto si realizza una dimensione universal del rugby giovanile. Il parterre è davvero ricco e spiccano senza dubbio, oltre ai padroni di casa ed al Tolone, una squadra sudafricana, il Cape Town, sicuramente legata alla Principessa, che è originaria della nazione arcobaleno. E poi sotto con gli svizzeri, i greci, gli emergenti catalani, gli altrettanto emergent russi della enclave di Kaliningrad. Spiccano anche I corsi del Licciana, che è il luogo di origine della patrona di Monaco, martire dell’isola, a cui gli abitanti del principato e le stesse Loro Altezze Serenissime sono molto devote. Non manca l’Africa, che trova nelle matrici francesi un motore creative. Di fatto Imperia ha un girone di qualificazione molto complesso. Ci sono I marocchini del Safi, dunque di scuola francese, la franchigia di Abu Dhabi, che, attenzione, è mossa dai capitali inglesi degli Harlequins di Londra e poi I poderosi quasi padroni di casa del Provence Rugby, che catalizza le attenzioni tra Aix e Marsiglia, nel Midi che è da sempre una fucina di campioni. Peraltro a questi livello la cosa bella è l’esperienza e il confronto con tanti ragazzi di provenienza e culture diverse, anche dal punto di vista sportive. I piccolo atleti si stanno già preparando per affrontare partite in velocità (tempi di 15 minuti) e soprattutto con avversari molto rapidi, come si immaginano essere marocchini ed arabi. L’organizzazione è assolutamente puntuale, come sempre: tempi di riscaldamento precisi utilizzando anche gli spazi presenti nel ventre dell’avveniristico stadio, uno spazio di refezione calcolato al minuto e su di un numero di persone molto preciso e tempi certi per terminare il torneo. Giusto in tempo per andare a San Remo a vedere la Union Riviera Rugby “face à” Pavia nel big match ligure del campionato di C1 settore Nord Ovest. Bona cança, Imperia Rugby.

admin
Author: admin

News correlate