Nel girone di qualificazione di C1 nazionale si è giunti alle partite di ritorno. Si ricomincia, ancora, dal Savona. Acerrimi rivali e primi in classifica. Mille motivazioni per i seniores della Union Riviera Rugby. E però le cose si mettono male già prima della partita. Davide Pozzati accusa una contrattura alla schiena. La fisioterapista Alessandra Ravotto agisce da par suo, lo mette in condizioni di andare in panchina, in caso serva esperienza in campo, ma al tempo stesso esce anche Novaro alle prese con una sindrome influenzale e Masetto, che soffre per problemi rimediati in allenamento e dovrà iniziare pure dalla panchina, lasciando così da parte tutta la sua esperienza necessaria ad una prima linea che terrà, in ogni caso, trascinata da un monumentale Franzi. I tecnici La Macchia e Pozzati devono così rivoluzionare la squadra e in mediana va un “Gus” Borzone che si carica sulle spalle, silente ed efficace, la squadra intera, giocando una memorabile partita. Altra figura sugli scudi, il falciatore Manuel Demasi, spesso decisivo nella difesa a livello di tre quarti. Savona pensa di far sua partita, ma non è così, perché gli altri giocatori corsari in campo, pur perdendo alcuni “senatori” in avvio, esibiscono attributi e si affermano tirando fuori le capacità che possiedono e talvolta non esprimono. Infatti la meta del Savona non è seguita da altro, anzi, la Union mette a segno un calcio con Calzia e va in meta con Attilio Damiano. Una soddisfazione enorme per uno dei ragazzi più costanti, concreti, muscolari e asfaltatori della storia recente del rugby imperiese.10 a 5 per i corsari il primo tempo. Quello che non ti aspetti. Il Savona reagirà nel secondo tempo segnando una meta, non trasformata e portandosi in pareggio, pareggio che resterà tale fino alla fine della partita, in un susseguirsi di azioni che non sono adatte, appunto, ai deboli di cuore. Con tanto di meta di Franzi, meritatissima, ma annullata, fra l’incredulità del folto pubblico presente.  Nel finale entrano tutti i giocatori a mezzo servizio: Pozzati, Masetto e Novaro, ma sono anche loro determinanti perché, pur infortunati, iniettano convinzione ed esperienza. Con il senno di poi, di fronte ad un Savona costretto alla contrazione, si poteva anche fare di più, lavorando meglio tra apertura e passaggi al largo. La mischia chiusa è sempre problematica, però c’è chi la tiene in piedi. Gli sforzi compiuti non sono stati del tutto ripagati, ma è una bella iniezione di fiducia: Pavia non è lontano, una partita va recuperata, con il CUS Genova, ed è una di quelle partite di livello. Plauso dunque per i ragazzi, la crescita soprattutto mentale è iniziata, i risultati arriveranno.

SERIE C/1 GIRONE D POULE 2 (I GIORNATA/RITORNO)

CUS Genova/B – Moncalieri  71/14

Union Riviera – Savona   10/10

CUS Torino/B – CUS Pavia  24/7

CLASSIFICA: Savona punti 23, CUS Genova/B (*) 22, CUS Pavia 15, Union Riviera (*) 8, Moncalieri  0, CUS Torino/B 1.

(*) = una partita da recuperare.

Immagini di Claudio Valente !!!!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per il suo funzionamento e per raccogliere statistiche sul suo utilizzo. Clicca su Accetta per consentire l'uso dei cookie da parte del sito. Leggi l'informativa completa.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi